58 thoughts on “Doping al Giro Sospeso il Gregario di Nibali

  1. Mi indignavo…..non m indigno più anche perché onestamente credo sia anormale fare gli sforzi che fanno senza aiuti!io in bici ci vado da tanti anni e onestamente quando faccio lunghi di 140/150km il gg dopo sono a terra….posso fare una sgambata si……ma non altri 150km con magari 2500mt di dislivello e magari sotto l acqua o a 40°……..bisogna essere onesti per capire che gli sforzi che gli si chiedono sono un po al limite

  2. Le mie lasagne mangiate la sera prima danno 5km/h in piu a qualsiasi ciclista per una distanza di 100km circa, e sono LEGALI! 🙂

  3. in tv vogliono i record lo spettacolo a tutti i costi in tutti gli sport, me che lo legalizzino sto doping e non rompano piu i c…..i

  4. secondo me queste notizie di doping non rovinano proprio nulla nel senso che il ciclismo professionistico è una cosa ben diversa rispetto al ciclismo in senso generico cioè quello che puoi praticare tu , io il fornaio e l'impiegato… occorre distinguere bene le due cose . non si direbbe mai che lo scandalo calciopoli rovini l'ambiente di chi si fa le partitelle la sera tra amici giusto??

  5. Mi sa che siamo tutti d'accordo con te👍…ma chi può e deve fare qualcosa non solo non la fa ma ci marcia pure sopra!!!

  6. Davide ma xchè fare scoppiare questi scandali durante una festa come il giro d Italia….xchè non farlo prima o dopo giro concluso????

  7. il doping è un pò come la mafia..non smetterà mai di esistere….Comunque potrebbero abbreviare il percorso delle tappe se proprio è impossibile arrivare al traguardo senza schiattare.. :/

  8. L inchiesta aderlass ha preso il via a febbraio…e caso vuole i nomi dei ciclisti vengono fuori durante il giro???

  9. Ma dai signori, ma di che cosa vi meravigliate? Sembra che venite da Marte… È ovvio che fa incazzare una cosa del genere, ogni sport a livello professionistico fa uso di doping, specialmente il ciclismo :è impensabile di correre per 3 settimane sotto acqua,vento, freddo, caldo salite e discese con tappe da 200km l'una, il fisico umano non regge, si deve per forza assumere qualcosa per mantenersi e non crollare. "non si vince un tour a pane e acqua" cit. Anquetil

  10. Che novità… secondo te al giorno d oggi si sparano tutti ste km a scoppio a velocità assurde senza aiuti (doping)? È da ingenui si come dici tu pensare il contrario! Con questo nn dico che sono contento o a favore del doping anzi, però bisogna capire che sono persone e nn macchine certi risultati e chilometraggi wattaggi nn sono umani anche con maxi allenamenti! Cmq bel video interessante 👍🏻

  11. Non cadiamo dal pero, tutti i pro(dove girano milioni) di tutti gli sport assumono sostanze legali e illegali (stando nei parametri) per migliorare le proprie prestazioni, io ormai da tempo mi sono rassegnato, deve andare così, é questo che chiede il pubblico, quando sento un caso di doping mi arrabbio e penso, stupido si é fatto scoprire ora gli stolti lo crocifiggeranno a lui e a tutto il ciclismo, vi rammento che abbiamo ucciso Pantani, il più grande ciclista di sempre….aprite gli occhi😉

  12. Io credo che per vedere queste prestazioni, lo si potrebbe considerare quasi normale anche se non lo condivido.l'uomo non è fatto per fare medie superiori a 40 Km/h . Sarebbe più coerente "legalizzare" le terapie consentite e smettere di indignarci per queste cose oramai consuetudinarie.Chi pratica il ciclismo queste cose le capisce sicuramente !

  13. C è poco da dire, io corro a livello amatoriale e anche in questo mondo di atleti che non contano nulla, il doping dilaga. Ho visto scene durante corse amatoriali con decine di persone che ridavano il numero di gara dopo aver saputo che dietro le quinte si aggiravano i nas, roba da dementi visto che a noi un contratto da soldi non ce lo farà mai nessuno, bene che vada si vince un pacco di biscotti che sta per scadere, ormai non si vincono nemmeno più i prosciutti. 😁

  14. Dovrebbero accorciare le tappe, eliminare i trasferimenti e limitare le grandi salite ad una…magari li i corridori portrebbero sostenere il tutto senza aiutini illegali 🙁

  15. Finalmente un' esterna…a Da,ma che ti pettini co i raudi la mattina??😂😂😂…dai che scherzo!!!👍👍…comunque no doping!!!

  16. Io non mi meraviglio più ogni tanto ne trovano qualcuno che gioca sporco non tutti si dopano o meglio questa è la mia convinzione credo nello sport e nell' onesta di chi lo fa.continuo a pedalare a fermarmi al bar e alle fontanelle!e quando prendo sali minerali o maltodestrine commerciali sento la differenza!
    Figuriamoci con le loro bombe!!🤣

  17. Ma quale indignazione…è come scoprire l'acqua calda. Ci sono sempre state le ondate così. O si legalizzano le microdosi a tutti, o si fa l'antidoping a chiunque gareggia. Il più è trovare il metodo più consono, non spetta a noi di certo. Il ciclismo è spettacolare anche così col doping, lo è sempre stato, basta ipocrisie.

  18. Bravo Davide insisti tantissimo su questo argomento!!! La cosa più assurda è che il doping è diffusissimo ancor di più fra gli amatori!!! Dai uno sguardo a questo link https://www.federciclismo.it/it/infopage/provvedimenti-disciplinari/ffaaf345-5b52-4031-93b0-6822ff6b9404/ c'è da riflettere, è una vergogna, parliamoci chiaro il ciclismo quando è praticato per competere, per vincere (il prosciutto, nella migliore delle ipotesi) una parte dei ciclisti è dopata ed è un dato oggettivo. Sta gente è malata di mente, rischiano la vita per nulla, c'è ignoranza, tanta ignoranza!!! Ti prego tu hai una grande visibilità fai un video al giorno su questo argomento, molti ciclisti fanno finta di niente (perchè complici?) è ora di dire basta!!! Il luogo comune è " il ciclismo uno sport di dopati" mi dispiace ammetterlo ma in parte è vero……. Demoliscili tu Davide, hai un grande potere tra le mani.

  19. Creare una black list di tutti gli atleti dopati di qualsiasi sport, bannarli a vita dalle squadre agonistiche e non , e divieto assoluto di partecipazione a qualsiasi gara .

  20. Dico anche che il ciclismo (certamente dopato in molti, troppi casi) è diventato bersaglio unico, una comoda coperta per tutto il resto inerente altre discipline. Senza perdere di vista il fatto che si tratta di uno sport massacrante e che anche quelli della Domenica pedalano con qualche aiuto, anche elettro/meccanico. La soluzione forse neppure esiste, dati gli interessi. Almeno mettiamo al bando l'ipocrisia però.

  21. A questo problema deve mettere mano gente competente, ma l' l' esonero della squadra intera se scoperti a giocare fuori dalle regole, creerebbe un circolo virtuoso per cui TUTTI nella squadra ( e che quindi ti stanno accanto) sarebbero incentivati a denunciare!
    Detto questo , la mia stima va a quegli sconosciuti che fanno il lungo 140/150 KM E IL GG dopo sono a terra e pensano. come cazzo faccio a LAVORARE OGGI??

  22. Indignati sicuro. Come fa un atleta alto 1.90 pesare 65 kg e dare le prestazioni nelle grandi corse a tappe con gli sforzi che fanno e sembrare sempre fresco come una rosa? Io mi sono avvicinato alla bici da qualche anno, prima non la comprendevo. Anche io prima mi allenavo come un matto, tra palestra e bici coprivo 6 gg su 7. Dopo un po ho dovuto rallentare, il mio corpo iniziava a ribbellarsi. Capisco l' allenamento però sono uomini anche loro come noi, dopo un po qualche domanda ce la facciamo. Ma non è soltanto nel nostro mondo, in tanti sport c'è la presenza del doping, forse solo nel curling non la troviamo. Bisogna essere coscenti con se stessi e capire quando si è arrivati al limite.

  23. Mi spiace Davidde ma da quando i Pantani è venuto mancare e Quella emerita M . . . A di Armstrong ha ha bleffato schifosamente per me facciano che gli pare … Amo il ciclismo ma mi rimane indifferente tutto ciò ,,nel senso che se ci vuoi fare giusta causa o giustizia non dovresti accendere nemmeno la TV ,,, sarò arrendevole ma é che voglio non incazzarmici più e soprattutto non calchino la mano piu di tanto che ho paura che si ripeta un fattaccio stile Pantani

  24. Gli sport quando diventano spettacolo, cambiano. Indignarsi mi sembra ipocrita. Lo show business vuole sempre di più. Che le leggi e gli organi di controllo facciano il loro lavoro, così è normale che qualche volta si scopra qualche illecito. Se poi vogliamo metterla sul provocatorio, potremmo anche liberalizzare tutto tra i pro. Paradossale ma se non hai limiti, forse ti limiti da solo, forse il preparatore ti vuol dare una vera bomba che ti farà scoppiare il fegato?

  25. Davide, mi spiace ma sono tra i "vaccinati": sono troppe le volte che ho provato a crederci di nuovo e non sta a me trovare soluzioni per il ciclismo pro. Semplicemente, io continuo ad uscire in bici per divertirmi e rilassarmi.

  26. Signor Davide non è giusto che paghino i professionisti della bicicletta che si fanno il mazzo, devono pagare quelli che stanno dietro in auto belli comodi, una squadra deve essere ermetica e non deve fare cazzate, quello che succede lo sanno solo loro, saluti.

  27. Bravo Davide… Vedo i tuoi video da un po' e oggi mi sono anche iscritto al canale… Questo mi piace molto belle parole

  28. Grazie al cielo so per certo che fino ad una certa età i ciclisti dilettanti che ambiscono al professionismo rimangono puliti,però prima di passare professionisti c'è già un alto studio medico dell atleta che poi pian piano viene aiutato dalla farmaceutica,che non significa doping,comunque è un" aiutino"
    Io sarei per la totale libertà di doping con pubblicazione pubblica delle varie tipologie,dopodiché sarà la natura a fare selezione con atleti che faticheranno ad arrivare a 40 anni o magari a vedere i figli crescere e allora saranno gli stessi praticanti a non cadere nella rete della scorciatoia.

  29. Tutto bene, bravo ma potresti almeno metterci due date, altrimenti un titolo cosí diventa non solo clickbait (legittimo) ma anche fuorviante. I fatti di cui parli sono avvenuti negli anni dal 2011 al 2013. All'epoca sia Koren che l'altro non erano nemmeno in squadra con NIbali.
    Con questo non voglio dire che il ciclismo odierno sia pulito ma i fatti, se li vuoi raccontare, li devi raccontare nella loro interezza. Messa come l'hai messa tu sembra che Koren le trasfusioni se le sia fatte l'altro ieri

  30. Il ciclismo è come tutti gli altri sport di estrema fatica, non si vincono gare cosi dure senza doping, Chi sostiene il contrario o non ha mai corso in bici o è un ipocrita, il problema è che i ciclisti non sono protetti e tutelati come in altri sport. Di luca ha spiegato perfettamente la situazione, chi ama il ciclismo lo deve amare al di là del doping, e capire che non si vincono Giri e Tour a pane e acqua, è ridicolo solo pensarlo.

  31. E io ancora faccio gare, a volte penso "chi me lo fa fare", ma le faccio per divertirmi… davvero non capisco che senso ha DOPARSI, dovrebbero fare l'antidoping ai primi 3 di ogni gara e poi vedremo.

  32. Andrò controcorrente,io sono favorevole al doping perchè se vuoi che il tuo fisico regga certi ritmi è inevitabile fare uso di sostanze altrimenti non si va da nessuna parte e parlo di tutti gli sport sia amatoriale che professionistico. Pratico ciclismo e quando faccio un lungo di 160 km – 200 km con un dislivello sopra i 3500 metri il giorno dopo riesco solo a fare un giro blando di massimo 80 km perché il fisico ha bisogno di riposo per rigenerarsi.

  33. Nessuna novità …dove girano soldi girano trucchi .
    In realtà nel mondo ciclistico dove una gran parte scimmiotta i prof a spingere al trucco cè molto orgoglio in gioco .
    E chi lo fa , non ha rispetto di se , figuruamoci degli ALTRI o dei posti dove vanno a pedalare ….vi invito ad osservare a bordo strada degli ultimi km di ogni salita importante ….troverete di tutto .
    Questo da la misura di quanto sia difuso il dopping a vari livelli , anche i piu insignificanti.
    Ma l'orgoglio é una brutta bestia .
    Ancora peggio se contro un cronometro .

  34. Io se fossi nella federazione ciclistica internazionale, per i professionisti imporrei gare più corte max 100/150km a tappa, si corre un giorno si e uno no, imporre una velocità media di 40/45 km/h e poi vediamo se si dopano ancora. Ma se non lo fanno evidentemente non c'è interesse a debellare il doping

  35. Credo che sia umanamente impossibile reggere certi ritmi durante un tour e pensare di essere puliti. Tutti ne fanno uso a certi livelli. Quello che fa più schifo sono le squadre, i media, l’opinione pubblica, ecc. che pretendono spettacolo e poi quando si presenta un caso di doping … tutti a sparare sentenze e a giudicare i poveri corridori che magari anche a livello di contratto, fare le righe, sono obbligati a doparsi per raggiungere certe prestazioni … É tutta una farsa. Caso emblematico Lars Armstrong, mai risultato positivo al doping, se non fosse stato lui a confessarlo e poi tutti a metterlo in croce dopo lo scandalo. E tutti gli altri atleti?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *